//
stai leggendo...
Professioni e dintorni

Diffusione comunicati stampa fai-da-te

ufficio_stampa_3… a proposito degli spazi del web e degli strumenti…

Siamo nell’era dell’informazione online.

Troppe volte, ho pronunciato io stessa e sentito da altri, questa affermazione che ormai suscita solo sbadigli. Tutto quello che finisce in rete, automaticamente ricade sotto la definizione di informazione.

Questa settimana, una collega che si occupa di comunicazione per diverse aziende, mi raccontava dell’utilizzo di siti come comunicati-stampa.net, comunicati-stampa.com, comunicati-stampa.org e così via, per i propri clienti. Questi siti pubblicano, quasi tutti, senza batter ciglio i comunicati stampa che ricevono.

Il meccanismo è semplice, basta registrarsi, darsi un nome utente e una volta ricevuta la conferma via e-mail, iniziare a postare i contenuti, senza alcun esborso di denaro. Nella maggior parte dei casi i siti utilizzano CSM WordPress, basta solo fare un copia-incolla del proprio comunicato e lo si vedrà apparire online.

In più di un caso, onestamente, è difficile distinguere fra nota pubblicitaria e comunicato stampa. Allo stesso modo è difficile comprendere chi sia il destinatario di spazi web come questi, dato che i contenuti si muovono fra innumerevoli ambiti.

Ma quanto è efficace una strategia comunicativa di questo tipo? Dipende, come sempre, dagli scopi e dagli obbiettivi del cliente.

È innegabile che un cliente, se ancora ne esistono, poco esperto di web, potrebbe esser entusiasta nel vedere pubblicata e moltiplicata la notizia che lo riguarda, ma, almeno a parer mio, si tratta di ‘sparare nel mucchio’. Un messaggio così non arriva al destinatario semplicemente è online e in più su siti molto generici.

Va tenuto conto poi di quale sia la reputazione di quei siti web, sono fonti che i giornalisti utilizzano? Come sono indicizzati? Ottimizzati? Chi si informa su quei siti, per avere le ultime notizie?

Una volta risposto esaurientemente alle domande sopra, sapremo se è lo spazio web che fa per noi e il nostro cliente.

Non discuto sul fatto che siti web come questi, possano essere forti distributori, soprattutto grazie al lavoro di SEO, ma va deciso a priori e in accordo con il cliente quale sia lo scopo che si vuole raggiungere e solo allora sapremo se comunicatistampa.it/.com/.net ecc ecc fa per noi.

Informazioni su claudia dani

Giornalista freelance, addetta media, web editor. Mi occupo di comunicazione web, social e tradizionale per le aziende. Scrivo contenuti per il web. Collaboro alla redazione di www.lsdi.it. Curo il mio sito web (www.claclick.com).

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Working on Web. Giornalisti e comunicatori: come non s’inventa una professione

Le nuove professioni nate nel e con il Web. Le opportunità professionali e come cambiano i mestieri "tradizionali" ma, soprattutto, cosa bisogna "saper fare" per lavorare con e sulla Rete, spiegato da 21 grandi professionisti del digitale. Un manuale pratico che è anche un'inchiesta che approfondisce le difficoltà e i problemi dei workers digitali, proponendo soluzioni e scenari futuri

WoW – Working on Web

Seguimi su Twitter

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: